Categorie
Tuning-motore

Sequenza dischi per antisaltellamento

Le frizioni antisaltellamento, per funzionare a modo, necessitano di una particolare sequenza di montaggio dei dischi frizione. Parametri importanti sono anzitutto l’altezza complessiva del pacco dischi, ed il verso di montaggio dei dischi bombati – quando utilizzati -, il carico delle molle. Per esperienza, posso dire che non c’è una ricetta che le faccia funzionare a “colpo sicuro” al 100% in un modo che soddisfi in pieno tutti. I parametri fondamentali su cui lavorare permettono infatti di variare, anche di molto, il funzionamento di un gruppo antisaltellamento. Indicativamente, un pacco dischi più alto permette di avere un funzionamento più “morbido” rispetto ad un pacco dischi più basso che, viceversa, avrà un funzionamento più “secco”. Spesso sono sensazioni di guida che devono essere contemperate al gusto del pilota.

Oltre a questi parametri, c’è da dire che i gruppi antisaltellamento sono di produzione artigianale (escluso alcune pregiatissime produzioni tipo la STM) e presentano minime differenze delle quote di produzione che possono a loro volta variarne il funzionamento. Fatto stà che, partendo da almeno una base di partenza comunque funzionale, con alcune prove si riesce ad ottenere un funzionamento efficiente e piacevole del gruppo!!

In questa breve analisi troverete delle semplici istruzioni di montaggio di un gruppo dischi per antisaltellamento della SURFEX ed una raccolta di alcune sequenze di montaggio che solitamente garantiscono, già di base, risultati apprezzabili di funzionamento. In genere, è consigliabile applicare un gruppo dischi sinterizzato, dotato di migliori resistenze meccaniche rispetto ai dischi originali. Non dimentichiamo infatti che una frizione antisaltellamento stressa in modo molto superiore i dischi, portandoli a slittare fra di loro anche quando non chiamati in causa direttamente dal comando frizione al manubrio.

Questo esploso illustra, a grosse linee, una classica frizione antisaltellamento a “sei molle”. Nello specifico si tratta del gruppo frizione completo di dischi della Ducati 748R. Notate come, anche in questo caso, si inizi la sequenza di montaggio sempre con un disco guarnito.

Alcune frizioni antisaltellamento “standard” a sei molle utilizzano le molle standard. Verificare che la loro lunghezza minima sia almeno di 36,5 mm.. Se anche solo una molla ha una lunghezza differente, si dovranno necessariamente sostituire tutte. Anche il bullone di montaggio è lo stesso che si utilizza sui gruppi frizione originali. Lo scodellino invece ha una altezza differente.

Le sei molle complete di scodellino possono essere fermate avvitando a mano sino a battuta ciascun bullone di tenuta. Si dovrà quindi tirare ciascun bullone a 6 NM procedendo con un ordine diagonale incrociato.

Come accennato, le possibilità di montaggio della sequenza dischi sono molteplici. Il concetto fondamentale da tenere presente è che si deve fare in modo di montare i dischi così che sia più semplice per loro aprirsi e distanziarsi (slittando quindi…) nei momenti in cui entra in funzione il sistema antisaltellamento.

Una prima, sommaria, verifica che si può fare su una sequenza dischi è misurare lo spazio rimanente fra l’ultimo disco condotto e l’estremità libera del tamburo. Questa quota dovrà essere presa spingendo a mano i dischi verso l’interno e quindi utilizzando un calibro di profondità. Si dovrà apprezzare una misura di circa 4 – 5 mm al massimo. Eventualmente questa quota potrà essere “ripresa” andando a variare gli ultimi dischi condotti (spessori diversi, eliminandoli, ecc.).

Le sequenze riportate in seguito prendono in esame alcuni kit base “di serie”, utilizzati sulle 748R e 749R che possono però essere utilizzate anche su frizioni aftermarket analoghe ed un paio di prove che ho effettuato utilizzando i kit SURFLEX e sequenze utilizzate con pacchi dischi guarniti generici.

LEGENDA:

  1. disco conduttore (guarnito) da 2,5 mm.
  2. disco condotto (acciaio liscio) da 1,5 mm.
  3. disco bombato (acciaio liscio) da 1,5 mm. la parentesi “(” oppure “)” indica il verso di montaggio della bombatura
  4. disco conduttore (guarnito) da 3 mm.
  5. disco condotto (acciaio liscio) da 2 mm.
  6. molla modulazione di carico la parentesi “(” oppure “)” indica il verso di montaggio della bombatura
  7. disco condotto (acciaio liscio) da 1,3 mm.

Kit dischi antisaltellamento 748R – altezza minima molle 39,75 mm.

  • n° 9 dischi sinterizzati da 2,5 mm.
  • n° 4 dischi di acciaio spessore da 1,5 mm.
  • n° 4 dischi bombati da 1,5 mm.
  • n° 1 disco di acciaio spessore 2 mm.

interno ==> A – C( – A – B – A – C) – A – B – A – C( – A – B – A – C) – A – B – A – E <== spingidisco – spessore pacco dischi = 36,5 mm.

 Kit antisaltellamento SURFLEX sinterizzato con molletta di carico – altezza minima molle 36,5 mm.

  • 7 dischi sinterizzati da 3 mm.
  • 1 molletta di carico da 2 mm.
  • 1 disco bombato da 1,5 mm.
  • 4 dischi condotti da 2 mm.
  • 3 dischi condotti da 1,5 mm.

interno ==> D – E – F( – E – D – B – D – B – D – B – D – C) – D – E – D – E <== spingidisco – spessore pacco dischi = 37 mm.

Kit antisaltellamento SURFLEX sinterizzato con molletta di carico – prova 2 – altezza minima molle 36,5 mm.

  • 7 dischi sinterizzati da 3 mm.
  • 1 molletta di carico da 2 mm.
  • 2 dischi condotti da 2 mm.
  • 3 dischi condotti da 1,5 mm.
  • 4 dischi condotti da 1,3 mm.

interno ==> D – E – F( – E – D – B – D – B – D – G – D – G – D – G – D – G – B <== spingidisco – spessore pacco dischi = 36,7 mm.

Tipo V1 – altezza minima molle 36,5 mm.

  • 7 dischi sinterizzati da 3 mm.
  • 7 dischi condotti da 1,5 mm.
  • 2 dischi condotti da 2 mm.

interno ==> D – B – D – B – D – B – D – B – D – B – D – B – D – B – E – E <== spingidisco – spessore pacco dischi = 35,5 mm.

Tipo V2 – altezza minima molle 36,5 mm.

  • 7 dischi sinterizzati da 3 mm.
  • 7 dischi condotti da 1,5 mm.
  • 2 dischi condotti da 2 mm.

interno ==> D – C( – D – B – D – C) – D – B – D – C( – D – B – D – C) – E – E <== spingidisco – spessore pacco dischi = 35,5 mm.

Tipo V3 – altezza minima molle 36,5 mm.

  • 7 dischi sinterizzati da 3 mm.
  • 7 dischi condotti da 1,5 mm.
  • 2 dischi condotti da 2 mm.

interno ==> D – C( – D – C( – D – C) – D – B – D – C( – D – C) – D – C) – E – E <== spingidisco – spessore pacco dischi = 35,5 mm.

GRUPPI FRIZIONE “DUCATI CORSE”

Kit antisaltellamento Ducati corse 6-4 molle – altezza minima molle 39,5 mm. con “6 molle” / 41,5 mm. con “4 molle”

  • 9 dischi sinterizzati da 2,5
  • 5 dischi condotti da 1,5 mm.
  • 4 dischi bombati da 1,5 mm.

interno ==> A – C( – A – B – A – C) – A – B – A – C( – A – B – A – C) – A – B – A – B <== spingidisco – spessore pacco dischi = 36 mm.

In caso si utilizzasse un gruppo antisaltellamento con il kit dischi dedicato, è interessante sapere che lo spessore totale del pacco dischi si calcola misurando esclusivamente l’insieme dei dischi guarniti (A). Nominalmente i dischi guarniti dei kit Ducati Corse hanno uno spessore di 2,5 mm che può però variare leggermente a causa delle ovvie differenze e tolleranze di produzione. La tabella sotto riporta gli spessori del pacco dischi guarnito in funzione dei quali si dovrà aggiungere o meno (fino ad arrivare alla sostituzione dei dischi guarniti per eccessivo consumo) un disco condotto da 2 mm., in modo da ripristinare la complessiva corretta altezza di funzionamento dell’insieme dei dischi.

Pacco sinterizzatiN°dischi condotti da 2 mm
Tra 25,5 mm e 23 mm.0
Tra 22 mm e 22,5 mm.1
Tra 21,5 mm e 22 mm.2
Meno di 21,5 mm Sostituire dischi sinterizzatiSostituire il pacco